E-Flow Protocollo Informatico

Funzioni di protocollo elettronico

Il protocollo informatico è un particolare tipo di documento informatico che il legislatore definisce come “l’insieme delle risorse di calcolo, degli apparati, delle reti di comunicazione e delle procedure informatiche utilizzato per la gestione dei documenti“.

Attraverso l’introduzione del protocollo informatico, avvenuta a partire dal 1° gennaio 2004, tutte le pubbliche amministrazioni possono protocollare i file in modo da poterli gestire con lo stesso iter delle pratiche cartacee, perseguendo così il fine della trasparenza e della gestione elettronica dei documenti.

L’attività di protocollazione, a cui sono tenute tutte le amministrazioni dello Stato, e che viene accompagnata dall’attività di archiviazione elettronica, consiste nel processo che certifica la provenienza e la data di acquisizione del documento che viene identificata attraverso una sequenza numerica collegata all’indicazione cronologica stessa.

 

Permette di automatizzare la gestione del Protocollo:

1. gestendo più registri di Protocollo;

2. registrando i documenti in entrata, in uscita e interni;

3. variando dati o annullando la registrazione secondo la normativa;

4. classificando e fascicolando i documenti registrati.

Vantaggi:

• centralizzazione delle informazioni;

• riduzione la quantità di carta da gestire;

• semplifica le procedure operative.

È adatto per qualsiasi realtà che abbia l’esigenza di catalogare e classificare: documenti in entrata, documenti in uscita, documenti interni.

pulsante_back

Questo post è disponibile anche in: Inglese